Opera Padre Guido

Opera Padre Guido Padre Guido

Primo Piano

Notizie

Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido

Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido
Mostra: Dalla parte dei poveri - Padre Guido

A partire da mercoledì 5 aprile, nella chiesa di Santa Maria della Piazza, la città di Ancona ricorda Padre Guido Costantini, a 50 anni dalla sua morte, con la mostra fotografica e documentaria "Padre Guido, dalla parte dei poveri", aperta fino al 25 aprile.

Fotografie grandi (1 metro x 2) raccontano la  sua storia e la storia della città, dove anche oggi è vivo e amatissimo, in particolare negli antichi quartieri di Capodimonte, Guasco, Corso Mazzini, Archi e Porto. Inoltre oggetti personali, la sua cartella, la macchina da scrivere (fu giornalista ardito ed efficace ed anche editore), documenti inediti e mai visti prima, dalla sua nascita a Controguerra, nella vallata del Tronto, alla vita sacerdotale (fu maestro e formatore), al periodo romano, ai suoi viaggi in Terrasanta per cui fu Commissario regionale (imperdibile il grande pannello che lo ritrae nel bosco del Getsemani), all’arrivo nella parrocchia di S. Giovanni Battista Capodimonte. Qui dette subito  una risposta concreta alle innumerevoli esigenze di povertà e di sofferenza creando il Laboratorio di Santa Elisabetta per vestiari usati, un ospizio infanzia bisognosa  e  inventò la Mensa del Povero, che offre tutt’ora un pranzo agli ultimi. E poi la vita quotidiana all’Oasi di Posatora, con la scuola, l’asilo e l’accoglienza. In mostra anche la campana che dall’Oasi rintoccava nelle campagne intorno per invitare chi lavorava nei campi alla preghiera. Padre Guido era solito parlare con un megafono da dove veniva recitato un rosario collettivo.

La mostra, promossa dalle Missionarie Francescane della Carità-Opera Padre Guido, è ideata e curata da Gabriella Papini in collaborazione con  Suor Anna e Suor Settimia, Massimo Di Matteo e Mauro Tarsetti hanno curato l’allestimento, Rodrigo Blanco il percorso video e luci. Pieno di atmosfera e spiritualità la musica del violino di Marco Santini
Orari di vista: dal 5 al 25 aprile: tutti i giorni dalle ore 16,00 alle ore 20,00. Chiuso nei giorni 13, 14, 23 aprile 2017. Nei giorni 12, 17, 22, 25 aprile aperto anche la mattina dalle ore 10,00 alle ore 13,00.

dona il tuo 5x1000 Contattaci Piccolo Araldo vuoi fare una donazione? scarica il calendario da tavolo

© 2018 Opera Padre Guido - tutti i diritti riservati